Le sorprese del futuro

Cosa ci riserva il futuro? Sembra che, oltre a una situazione economica disastrosa, a catastrofi ambientali causate dall'incuria e dall'ingordigia di pochi "eletti", la classe politica mondiale si stia apprestando ad attuare il controllo totale dell'uomo grazie all'elettronica.

L'italiano Giuliano Berretta, presidente di Eutelsat, il più grande operatore satellitare europeo, è stato insignito del prestigioso premio «Arthur C. Clarke » per il suo contributo allo sviluppo delle tecnologie spaziali. Come si legge sull'articolo del Corriere che ne ha dato notizia, il lavoro di Berretta potenzierà enormemente la cosiddetta infomobilità.

Il prossimo futuro che cosa ci porterà? «Presto arriverà la televisione in 3D e si sta sperimentando la trasmissione nei cinema di eventi come i concerti del Metropolitan. Ma importante sarà l'unione con i satelliti Gps di navigazione creando in tal modo un sistema intelligente. Si potranno, ad esempio, inviare su automobili e treni trasmissioni radio e tv con frequenze diverse dalle attuali, si pagheranno via satellite i pedaggi e si controllerà la velocità dei veicoli per cui la multa sarà automatica. Tutto ciò fa parte della infomobilità, cioè l'informazione mentre ci si muove, che significa una serie di servizi oggi inimmaginabili»

Multa automatica? Già proprio un bel «servizio». Francamente non se ne sentiva la mancanza.